martedì 3 giugno 2014

GUGELHUPF DI SUA MAESTA'





Naturalmente " Sua Maestà " è Franz Joseph. 
Dovete sapere che a Corte c'erano diverse cucine: una per l'imperatore, una per Sissi e una per i figli. E ogni cucina aveva tanto di importante Chef... Tra l'altro, chissà, forse cercavano di superarsi in bravura l'uno con l'altro!
Comunque, secondo il libretto che ho, questa è una ricetta di Friedrich Hampel, della cucina di " Sua Maestà ". Si specifica che il dolce " è morbido come seta ", tanto delicato che non sopporta neppure la presenza di uvetta. Ed è vero! Ha una inusitata morbidezza, oltre ad essere - ovviamente - squisito.
Non ero molto convinta, ma ho voluto farlo senza modificare assolutamente niente, proprio per verificarne la delicatezza. Ed ho capito una cosa : Sua Maestà si trattava molto, molto, molto bene!
Ho soltanto dimezzato esattamente tutte le quantità, visto che possiedo stampi formato famiglia e non formato Corte.




     Ingredienti ( già dimezzati )

75 g burro
6 gialli d'uovo
125 g farina 00
15 g lievito di birra sciolto in poco latte tiepido ( circa 20 ml )
40 - 50 g zucchero ( ho usato 40 )

     Procedimento

Portare a crema il burro morbido, aggiungere un giallo, mescolare, incorporare un cucchiaio di farina già mescolata con lo zucchero, poi di nuovo un giallo, mescolare bene, poi farina ...e via così fino a completare l'aggiunta delle uova e della farina con lo zucchero. Quindi mescolare ancora bene il tutto con il lievito sbattendo il composto. Preparare lo stampo unto di burro e infarinato, mettere sul fondo alcune mandorle pelate, e versarvi l'impasto. Dovrebbe riempirlo al massimo a metà.





Lasciar lievitare fino al raddoppio e mettere in forno a 170° per circa 40 - 45 minuti, con un'accortezza: lasciare lo sportello del forno aperto di poco ( inserite un cucchiaio di legno ) per i primi 15 minuti. Ciò permette una bella ulteriore lievitazione nel forno.

Sformatelo su una gratella e quando è freddo cospargetelo di zucchero a velo vanigliato.



8 commenti:

  1. Favoloso, non vedo l'ora di poterlo fare, grazie !

    RispondiElimina
  2. Faccio la collezione di gugelhupf!! Da fare al più presto, ha un aspetto favoloso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rifarò anche quello che ho fatto per te, preparato da Gustav
      Seitz , pasticciere di Sissi . Aumenterai la collezione...

      Elimina
  3. Ma buono! Un ptocedimento insolito rispetto a quelli cui siamo abituati, ma da provare! Con 6 tuorli ci credo che é morbido :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata di qua..

      Elimina
  4. Ciao Ruli,omplimenti per il tuo blog!
    Ti seguo anche su C.i.
    Vorrei qualche informazione su lo stampo cosi'saro'sicura di non sbagliare.
    Ciao Pinella(non quella famosa..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Pinella, sei davvero molto gentile, ed io molto contenta.
      In quanto allo stampo : ho usato uno di 22 cm di diametro interno, che riempito fino all'orlo contiene 2, 478 l di acqua. Così ti puoi regolare. L'importante in questo dolce é sbattere a lungo l'impasto quando si aggiungono uno ad uno gli ingredienti. Più a lungo sbatti ( meglio se con macchinetta elettrica ), più aria inglobi, più soffice sarà il dolce.

      Elimina
    2. Grazie mille,gentilissima come sempre.

      Elimina

Per piacere evitate i commenti anonimi